L’inaugurazione il 3 dicembre in Via Fiori Chiari

milano_amouage

Amouage apre il suo secondo monomarca italiano a Milano e sceglie la zona di Brera per installare le sue preziose e eclettiche fragranze. L’inaugurazione il 3 dicembre in via Fiori Chiari.

Il negozio si affianca agli altri 19 flagshipstore aperti negli ultimi otto anni in tutto il mondo, da Londra a Dubai passando per Roma, una serie di opening che rappresentano il significativo impegno nell’espansione retail del brand.

I 33 metri quadrati di via Fiori Chiari mantengono lo stile e il design caratteristici degli spazi che già ospitano Amouage nel mondo: un approccio sofisticato e contemporaneo, un meltinpot di scelte stilistiche e di arredi che lo rendono capace di dialogare con paesi e culture diversi. A firmare il progetto dello store milanese è il Direttore Creativo Christopher Chong. Appassionato di arte, di musica, soprattutto nel genere dell’Opera, e di letteratura, Chong racconta Amouage alternando sempre note emozionali e scelte estetiche esclusive.

La profumeria mostra arredi in Corian impreziositi da intrecci jacquard che simboleggiano il marchio, in un contesto di toni caldi, a volte specchiati.

Particolarmente soddisfatto dell’apertura milanese il Ceo David Crickmore: “Non potevamo più aspettare, Milano attendeva Amouage e Amouage aveva bisogno del respiro internazionale e autorevole della città di Milano che è ormai considerata la capitale della moda e del lusso nel mondo. Questo progetto rientra nella strategia di espansione internazionale del brand che ci sta dando grandi soddisfazioni, a conferma del fatto che il lusso oggi è sempre più un’esperienza e sempre meno un accessorio”.

Il nuovo monomarca proporrà tutte le fragranze Amouage, comprese le ultime novità Myths, Lilac Love e Bracken e i progetti speciali che vengono proposti in edizione limitata per i clienti, una proposta completa che insieme alle fragranze presenta il Bath & Body, l’Home, il Travel e la Leather Goods Collection.

Amouage è distribuito in Italia da Finmark.