Ceretta e manicure semipermanente le parole chiave dell’anno che sta per concludersi, secondo l’indagine condotta da Treatwell

 trend-bellezza-2016

Con la fine dell’anno che si avvicina, ecco le classifiche sui trend del 2016, come quelli relativi alla bellezza stilati da Treatwell, portale di prenotazione online europeo per i trattamenti beauty e benessere, che ha analizzato i dati relativi alle prenotazioni di centri estetici, saloni di parrucchieri e spa effettuate in Italia e delineando, così, l’identikit del beauty addicted italiano.

I must: ceretta e manicure semipermanente

Pelle liscia e mani in perfetto ordine sono importantissimi in Italia: al primo posto della Top 5 dei trattamenti più prenotati spiccano le sedute di epilazione, seguite dalla manicure semipermanente. Quella per le unghie è una vera e propria ossessione per gli italiani: la popolarità della pedicure dimostra di non risentire affatto della stagionalità e guadagna la terza posizione, precedendo la manicure tradizionale. Quando si tratta di cura delle mani, proprio quest’ultima viene preferita nel 44% dei casi, mentre il 55% delle utenti opta per un risultato più duraturo e punta sul gel.

Da Nord a Sud spopolano ceretta e manicure semipermanente, ma nella capitale la parola chiave è “capelli”: al terzo posto dei trattamenti più prenotati a Roma, infatti, spunta la piega (che a Milano, invece, scivola alla quinta posizione), mentre il taglio chiude la Top 5.

Piega perfetta

Dal parrucchiere vince la piega, unico trattamento capelli che riesce a conquistare una posizione (la quinta) all’interno della Top 5 dei servizi più richiesti in Italia nel 2016. Lavaggio e asciugatura firmati dall’hairstylist raccolgono, infatti, circa un terzo delle prenotazioni di tutti i trattamenti offerti dai parrucchieri, mentre il taglio, più o meno drastico, corrisponde a poco più del 26%, staccando di ben 9 punti percentuali tinte e colpi di sole.

Nel 2016 le prenotazioni maschili si sono concentrate in larga maggioranza proprio su taglio e styling professionali.

Un tocco di relax

Si fa presto a dire “massaggio”: decontratturante o rilassante? Shiatsu o ayurvedico? Nel 2016 oltre un quarto degli italiani ha optato per il massaggio profondo dei tessuti (o connettivale) per combattere dolori muscolari, contratture e rigidità. Popolari anche il massaggio alle mani, scelto da un utente su cinque per sciogliere la tensione e riattivare la circolazione, e il linfodrenante (18,3%), ideale per ridurre gli inestetismi della cellulite.

I numeri

Nel 2016 la spesa media degli italiani per una seduta di bellezza è stata pari a 30€, per una durata media di 39,4 minuti ad appuntamento e nella maggior parte dei casi il trattamento è stato svolto il sabato, a conclusione di un’intensa settimana di impegni.

«Conoscere le abitudini e le preferenze dei nostri utenti ci permette non solo di soddisfare sempre le loro esigenze, ma anche di anticipare i loro bisogni, offrendo loro una vastissima scelta di trattamenti – dai più “pop” alle novità del momento – e una fitta rete di professionisti in grado di trasformare i loro desideri beauty in realtà. Come in passato, anche il prossimo anno la missione di Treatwell sarà mettere a loro disposizione un modo semplice e veloce per prendersi cura di sé e sentirsi al top» commenta Francesco Girone, Responsabile Marketing & Communications di Treatwell Italia.