Un libro sulla vita della stilista

Di Coco Chanel si é scritto e parlato moltissimo. Ma sono ancora molti i lati oscuri della sua esistenza tenuti più o meno volontariamente nascosti. Una nuova biografia rivela particolari finora inediti della donna Coco Chanel, persona fragile, dalla condotta sentimentale e sessuale piuttosto sofferta e dalle amicizie a dir poco discutibili. A raccontarci questi lati della vita della stilista francese é questa volta Lisa Chaney nel romanzo “Coco Chanel: An intimate life“, edito da Penguin.

L’autrice sottolinea in questo libro alcuni episodi scabrosi che dimostrerebbero la bisessualità e la dipendenza dalle droghe della sua protagonista. Inoltre, riporta prove schiaccianti della relazione che Chanel avrebbe avuto con Salvador Dalì, per giunta mentre lui era sposato. Ovviamente, il tutto é avvalorato da prove e testimonianze, che la scrittrice ha collezionato in anni di studio sul personaggio in questione.

E forse la scoperta più eclatante di tutte è quella che riguarda uno degli amanti della stilista, il tedesco Hans Gunther von Dincklage. La Chaney sostiene si trattasse di una spia dei nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale, come dimostrerebbero alcuni documenti rintracciati negli archivi federali svizzeri. Una scoperta che rischia di rovinare l’immagine di Chanel in tutto il mondo; a lasciare un margine di dubbio, la possibilità che la donna non fosse a conoscenza della doppia vita del suo compagno. Un’eventualità un po’ remota, ma che ai fan della stilista basterà per assolvere la propria beniamina.