A raccontare la nascita della fragranza i nasi Luca Maffei e Maurizio Cerizza

Orientarsi tra numerosissime materie prime, avere passione, curiosità, creatività unita a una grande attenzione a quello che il mercato presenta. Tutte queste caratteristiche sono riunite nel lavoro del profumiere, come ci hanno raccontato Luca Maffei e Maurizio Cerizza in un incontro presso Accademia del Profumo in cui hanno svelato il retroscena della nascita di Iris Magnifica.

Come vi abbiamo già raccontato, questo scent è arrivato tra i finalisti del concorso The Scent of Esxence – 5 Years of Excellence, vinto da Etoilegance, di Alexander Lee.

Materie prime sintetiche e naturali dalle sfaccettature differenti che vengono scelte, pesate e miscelate per più e più volte prima di arrivare a un risultato, per progetti che vengono portati avanti in media dai sei mesi ad un anno e che coinvolgono, accanto ai nasi, i clienti committenti del profumo, addetti marketing, vetrai e designer. Questa, molto in sintesi, l’arte olfattiva dei nostri giorni che porta alla nascita delle fragranze più e meno note, più o meno pregiate.

In un breve viaggio all’interno di note differenti, siamo arrivati a scoprire le caratteristiche di Iris Magnifica, nata come un’inno alle materie prime di origine italiana più apprezzate in profumeria. Si tratta di bergamotto e iris fiorentino, per un jus che stempera e sdrammatizza l’opulenza dell’iris grazie a un’apertura caratterizzata dalla freschezza dell’agrume affiancato da mandarino, lampone e artemisia. Il cuore è ricco grazie alla presenza dell’iris, associato a gelsomino e magnolia che lasciano spazio a una scia di ambra, vaniglia, muschi e legno di cedro.

Ecco il profumo in un video:

[youtube id=”VjCrlpiunh8″ width=”600″ height=”350″]