Tuberosa e osmanto per una eau de parfum unisex insolita

 

L’ultima creazione di Anais Biguin, creatrice di Jardins d’Ecrivains, si ispira all’alone di mestero e alle intriganti supposizioni che circondano la vita di un grande poeta.

Marlowe avrebbe scritto alcune delle opere shakespeariane, avrebbe operato come spia della Corona, avrebbe studiato l’occulto. Sarebbe infine stato ucciso per mano di un marito tradito o di un amore abbandonato.

L’eau de parfum unisex che prende il suo nome si apre su tuberosa e osmanto, alleggerite e rinfrescate da un tocco di elemi caratterizzato da nuance che ricordano il limone. Insolito e singolare, l’accordo di fiori secchi nel cuore introduce l’epilogo. Nel fondo una nota cuoiata ingentilita dal musk attenua il primo atto floreale e si scioglie nel labdano, ambrato e polveroso.