La struttura presenta Lo Straordinario sentire, un nuovo progetto di comunicazione tra evocazione, storia e tecnica

straordnario-sentire

Tante novità in cantiere per Accademia del Profumo, che invita a scoprire Straordinario Sentire, il nuovo spazio narrativo pensato per valorizzare il profumo come elemento essenziale del benessere, promuoverne la creatività, accrescerne la cultura e la diffusione in Italia.

Il rinnovato asset di comunicazione presenterà la sigla attraverso un’immagine più moderna, glam, social e viral. Nuove tematiche e l’utilizzo di media audio-visivi rappresenteranno le tre dimensioni legate al mondo delle essenze: evocazione, storia e tecnica.

«L’arte del profumo sa cogliere lo spirito del bello insito nella nostra cultura – ha commentato il presidente Luciano BertinelliL’emozione sarà la chiave per coinvolgere il pubblico nel racconto del mondo delle fragranze, caratterizzato da tradizione, talento, creatività, tecnica e gusto. Accanto al tradizionale Premio Accademia del Profumo, giunto alla 27esima edizione, saranno numerose le iniziative proposte da Accademia. Sicuramente rinnoveremo i progetti che celebrano l’accostamento del profumo ad arte e cultura. Dopo le positive collaborazioni con il Museo del Profumo, il 35° Cosmast di Ferrara e la 2a edizione del corso di specializzazione in fragranze Professione Olfatto, Accademia del Profumo riconfermerà la propria presenza a Venezia e intensificherà il coinvolgimento nelle università mettendo a disposizione borse di studio per progetti speciali dedicati proprio al mondo del profumo. La grande novità sarà però la realizzazione di un percorso olfattivo itinerante, che sarà ospitato negli orti botanici d’Italia per i prossimi tre anni, dal titolo Straordinario Sentire: Trilogia del profumo in tre atti».

Un inedito video manifesto sarà il trailer che catturerà inizialmente l’attenzione, seguito nei prossimi anni da una web serie. Accademia del Profumo rilancia inoltre la propria app, completamente rinnovata e disponibile gratuitamente da gennaio 2016 su Apple Store e Play Store, che permetterà tra le altre cose di scoprire qual è la fragranza più adatta a sé e darà la possibilità di votare i profumi che concorrono al Premio Miglior Profumo dell’anno di Accademia del Profumo e partecipare all’instant win che mette in palio 100 flaconi dei profumi finalisti.

Intanto, la struttura ha svelato il finalisti del 2016, tra cui verranno scelti i vincitori, svelati a Milano ad aprile.

 

Miglior profumo dell’anno 2016 (l’elenco completo dei finalisti per le altre categorie è disponibile sul sito www.accademiadelprofumo.it)

Profumi femminili

Alaia Paris – Beauté Prestige International

Chance Eau Vive – Chanel

Emozione – Ferragamo Parfums

Goldea – Bulgari Italia

Gucci Bamboo – P&G Prestige

Miu Miu eau de parfum – Coty Italia

Paco Rabanne Olympéa – Puig Italia

Tom Ford Noir pour Femme – Estée Lauder

Valentino Donna – Puig Italia

Viktor & Rolf Bonbon – L’Oréal Italia

Emozione-Salvatore-Ferragamo-mini

Profumi maschili

Acqua di Giò Profumo – Helena Rubinstein Italia

Acqua Essenziale Colonia – Ferragamo Parfums

Acquawood – Collistar

Bottega Veneta pour Homme – Extreme Coty Italia

Colonia Club – Acqua di Parma

Dior Sauvage – LVMH Italia

Dolce&Gabbana Intenso – P&G Prestige

Hugo Boss The Scent – P&G Prestige

Michael Kors Men – Estée Lauder

Trussardi Blue Land – ITF – Angelini Beauty

 

Bottega Veneta Pour Homme

Bottega Veneta Pour Homme

Dal 25 gennaio i consumatori potranno votare per eleggere il miglior profumo dell’anno attraverso diversi canali: il minisito dedicato al concorso, la pagina Facebook di Accademia del Profumo e la nuova app. Si potrà inoltre votare in una delle 500 profumerie d’Italia aderenti all’iniziativa con il volantino “squilla e vinci”. Tutti i consumatori che parteciperanno alle votazioni sui diversi canali parteciperanno all’instant win per aggiudicarsi uno dei 100 profumi finalisti in palio.

Presenti anche una giuria tecnica di esperti del settore e una giuria vip presieduta dalla conduttrice tv Filippa Lagerback.

Infine, lo Straordinario sentire raccontato da Accademia del Profumo nel suo rinnovato asset comunicativo prosegue con il percorso olfattivo itinerante.

Straordinario sentire: Trilogia del profumo in tre atti è infatti il progetto triennale con cui la struttura porterà nelle suggestive location degli orti botanici delle principali città italiane questo evento di immagine, comunicazione ed emozione.

L’Orto Botanico di Brera dell’Università degli Studi di Milano (dal 16 al 19 giugno 2016) e l’Orto Botanico dell’Università degli Studi di Firenze (dal 9 all’11 settembre 2016) saranno le prime due location che si trasformeranno in un luogo incantato dove si “respirerà” il profumo e si narrerà una storia pensata per coinvolgere ed emozionare, per esaltare le unicità e le straordinarietà proprie dell’intera filiera della profumeria.

L’allestimento permetterà al visitatore di “entrare” nel profumo e ripercorrere la cronologia della vita attraverso i profumi dell’infanzia, dell’adolescenza, della maturità o, ancora, le esperienze olfattive legate ai viaggi, alle esplorazioni. L’esperienza proseguirà con la storia presentata da un punto di vista coinvolgente: il profumo, testimone del suo tempo, riporterà infatti il visitatore in recenti epoche caratterizzate da particolari momenti sociali, storici e politici che si sono riflessi in nuove scelte olfattive da parte dei consumatori. Infine un viaggio nel “backstage” del profumo per scoprire cosa c’è dietro questo mondo: dal primo briefing alla creazione vera e propria della fragranza, dallo studio del packaging al posizionamento di comunicazione, fino ad arrivare allo scaffale in profumeria.

Il percorso olfattivo diventerà anche luogo privilegiato per approfondire le tematiche legate alle fragranze e a conoscere i protagonisti di questo settore: nasi, profumieri, giornalisti e altri esperti si alterneranno nella cornice degli Orti botanici per raccontare la loro visione del profumo. Il viaggio proposto dal percorso proseguirà inoltre su tre mini-siti dedicati che, per la prima volta, permetteranno al web di offrire un’esperienza sensoriale del profumo, facendo rivivere, anche dopo la visita dell’installazione, le emozioni provate.