Focus anche sulla profumeria artistica

Con il nuovo anno tornano gli eventi dedicati alla moda maschile. Il primo è come sempre Pitti Uomo, arrivato all’edizione 97, in calendario dal 7 al 10 gennaio, alla Fortezza da Basso di Firenze.

Dedicata alle collezioni moda e lifestyle uomo per l’Autunno-Inverno 2020-2021, la rassegna si presenta come un’esperienza sempre più sfaccettata, capace di svelare le tendenze della prossima stagione e al tempo stesso offrire input per capire, in anteprima, sfide e strategie del retail moda globale. L’edizione invernale del salone si colora di progetti speciali provenienti dalle scene fashion che si distinguono per creatività, rispetto della tradizione e sguardo rivolto al futuro.

Pitti Uomo 97 beneficia del contributo speciale del Ministero dello Sviluppo Economico e Agenzia ICE a sostegno delle fiere del Made in Italy. Il contributo è dedicato al potenziamento delle attività di ospitalità, media relations e pubblicità.

Il tema di questa edizione è quello delle bandiere: “Show Your Flags at Pitti”, con l’art direction di Angelo Figus e il set design di Alessandro Moradei.

Sono diversi gli special guest, da Jil SanderStefano Pilati, dal il brand unisex Telfar a Brioni, Blauer, Woolrich e molti altri, che saranno protagonisti di eventi e installazioni, come anche i progetti speciali, tra cui la sfilata evento di Dust Magazine e uno spazio dedicato al design.

Molti i marchi che debuttano nell’edizione 2020, tra cui Sergio Rossi, che presenta Sergio Rossi Uomo, Daoyuan Ding, Bosco, Arc’teryx Veilance, Jet Set, F/CE e Rolf Ekroth mentre si segnalano alcuni ritorni come Sealup, Karl Lagerfeld, Hunter.

Le diverse anime del menswear contemporaneo sono rappresentate dalle diverse sezioni di Pitti Uomo. Il Padiglione Centrale racconta le evoluzioni del menswear e le sue contaminazioni design. Dai brand che rileggono la lezione del tailoring e interpretano il nuovo lusso del guardaroba maschile, a collezioni in dialogo con gli altri mondi dell’evento. E accanto alle aziende presenti al Padiglione Centrale, l’universo contemporary classic si sviluppa anche attraverso una serie di aziende che scelgono spazi indipendenti dentro la Fortezza. Tra i marchi protagonisti a questa edizione: A.Testoni, Altea, Bagutta, Barba Napoli, Barker Black, Begg & Co, Bencivenga, Brooksfield, Brunello Cucinelli, Bruno Manetti Cashmere, Cheaney Shoes, Chevignon, Deperlu, Felisi, Fratelli Rossetti, Grey Daniele Alessandrini, Hand Picked, Herno, LAB – Pal Zileri, Lardini, Sartoria Latorre, Ludwig Reiter, Malo, Manuel Ritz, Nobis, Paoloni, Paraboot, Paul & Shark Yachting, PT Torino, Re – Hash, Roy Roger’s, Santaniello, Schneiders, Stetson, Stewart, The Bridge.

Capitolo irrinunciabile dell’eleganza menswear, il contemporary classic contraddistingue le collezioni proposte da Futuro Maschile alla Sala delle nazioni, Arena Strozzi e Piazzale delle Ronde. Un brand mix inedito e trasversale, che va da outfit ultra-selezionati e di ricerca a quelli con un’anima rivolta allo sportswear. Di edizione in edizione, la prospettiva di questa sezione si amplia per valutare e proporre le opzioni più innovative del guardaroba maschile. Tra i brand: Cote & Ciel, Doppiaa, Dotz, East Harbour Surplus, Emanuele Bicocchi, Fortela, Henderson, Holubar, Ikiji, J.Press, Jacques Solovière Paris, Lavenham, Man1924, O’Keeffe, Pezzol 1951, Pierre Louis Mascia,Rewoolution, Roberto Collina, Rov, Scaglione, Sealup, Sunspel, Teatora, Ten C, Traiano, Yatay.

I Pop Up Stores presentano una proposta trasversale riservata ai prodotti lifestyle del guardaroba maschile: eyewear, calzature, borse e accessori da viaggio, ma anche oggetti designHi Beauty è un’estensione di Pitti Fragranze, il salone di Pitti Immagine dedicato al mondo della profumeria artistica internazionale. Al Piano Inferiore del Padiglione Centrale, una scelta di marchi internazionali con le loro fragranze per la persona e per l’ambiente, i prodotti body care, la ricerca sulle specialità cosmetiche.Tra le aziende: Farmacia Ss. Annunziata Dal 1561, Fornasetti, Morph Parfum, Stefanoraffa.

I brand più sperimentali e innovativi si ritrovano al Padiglione Medici. Touch! è la sezione che coniuga l’internazionalità con la ricerca stilistica, e le proietta in avanti. L’Altro Uomo definisce da sempre le più avanzate avanguardie stilistiche in scena a Pitti Uomo.

La passione per l’outdoor, la performance dei materiali e la continua ricerca stilistica si fondono nel progetto I Go Out, appuntamento ormai consolidato di Pitti Uomo. Qui si concentrano collezioni outerwear dal design impeccabile, proposte altamente funzionali ma di grande impatto estetico, capi e accessori talmente versatili da diventare elementi irrinunciabili del guardaroba maschile.

Lo streetstyle di Unconventional è multiespressivo: grintoso nel design, luxury nei dettagli, ipertecnico nei materiali. Le proposte di questa sezione interpretano la contemporaneità e le sue richieste trasportando l’attitudine fashion in una dimensione attuale, athletic-minded e agender.

DNA internazionale per I Play, il circuito che comprende il Padiglione Cavaniglia e una serie di spazi indipendenti nato per esprimere il mood che ha spostato in avanti i confini dello sportswear. In primo piano, uno stile che lega in chiave creativa i modi del vivere urbano all’outfit degli sport autentici.

La grinta della metropoli, il suo stile: è Urban Panorama, un territorio aperto a chi ha sete di libertà, tra ispirazione biker e influenze etniche. Il denim vive con le sue infinite interpretazioni. Parola d’ordine, sovrapporre e mixare forme, materiali e stili.

Le sempre creative espressioni in erba della cultura metropolitana, nei loro link tra tecnologie, musica, arte e design, hanno trovato in un territorio fertile.

Infine, tra gli eventi in città nel calendario di Pitti Uomo, ci sarà la presentazione della linea maschile di Chiara Boni, una mostra con disegni e abiti di Renato Balestra e il concorso di Istituto Marangoni Firenze.