Sarà svelata la migliore creazione di una fragranza inedita e originale dedicata al “profumo di argento”

Il 22 febbraio a Firenze si tiene la presentazione della quarta edizione dei premio internazionale I profumi di Boboli, con l’annuncio del vincitore.

Fra gli 11 finalisti in gara, sarà svelata la migliore creazione di una fragranza inedita e originale dedicata al “profumo di argento”. Particolarmente significativa la partecipazione dell’Istituto Morante-Ginori Conti di Firenze che per la prima volta partecipa al Premio. Sarà inoltre reso noto il tema della prossima edizione e saranno presentate le novità del Laboratorio “I profumi di Boboli”, percorso multidisciplinare nell’universo olfattivo che si terranno tra aprile 2020 e 18 gennaio 2021.

L’iniziativa nasce per scoprire nuovi talenti che vogliono mettersi in gioco e per favorire l’ecosostenibilità e i saperi dell’arte profumiera che tutelano la tradizione dell’artigianato storico. Nel solco della grande tradizione artigianale profumiera, nata proprio a Firenze alla corte di Caterina dei Medici e nei giardini officinali delle spezierie medicee, il Premio promuove l’importanza di questi antichi saperi. Il ritorno alle fragranze naturali ed ecosostenibili, agli estratti botanici e ai segreti del mondo vegetale sono infatti la nuova tendenza della profumeria artistica internazionale.

Il vincitore riceverà in premio un oggetto creato appositamente in argento e cesellato a mano da Brandimarte, marchio storico della tradizione artigiana fiorentina. Premio speciale della Giuria: il profumo vincitore sarà prodotto, in edizione limitata, da Spezierie Palazzo Vecchio in 60 flaconi e presentato nel negozio di Piazza Signoria.

Il Premio è organizzato dall’Associazione I profumi di Boboli con il Patrocinio del Comune di Firenze e di Confartigianato e con la collaborazione di Brandimarte e Spezierie Palazzo Vecchio.