La creatrice di vero.profumo ha lanciato la sua nuova fragranza

Nell’aria tiepida è un piacevole sentore di fiori bianchi, di gelsomino e di magnolie appena fiorite, di ghirlande di muschio bagnato, di foglie aromatiche e di fieri cipressi. Lentamente il profumo sale. Su, su, sempre più in alto, per unirsi a un tratto ai getti di cristallini che zampillano nelle fontane e si posano sugli specchi d’acqua del giardino. Milioni di minuscole particelle d‘acqua si intrecciano per dare vita a un velo brillante e profumato che si poggia sulle superfici fredde delle spalle marmoree di innumerevoli statue: dei, ninfe, fauni, draghi e sirene. Il tempo si è fermato nel giardino: ieri è oggi è domani. Per un momento il profumo colma il nostro desiderio, appaga il nostro bisogno di leggerezza e la nostra sete di un tempo migliore. Mito di una Eternità senza tempo”.

Vero Kern

Dinamica, appassionata, esplosiva e creativa: Vero Kern, l’ideatrice delle magiche fragranze di vero.profumo, ha presentato ieri a Milano la sua ultima eau de parfum dedicata a un incantato luogo italiano…

La profumiera svizzera crea profumi d’arte appoggiandosi a un piccolo laboratorio marchigiano partendo dalle proprie emozioni piuttosto che dalla materia prima, in maniera totalmente indipendente dalle mode e dal mondo della profumeria industriale.

Il suo percorso prima di approdare alla profumeria artistica l’ha vista lavorare in campo farmaceutico e poi come aromatologa, discipline che le hanno permesso di prendere familiarità con olii essenziali e assolute. Presto Vero inizia a realizzare fragranze per una ristretta clientela, approfondendo le proprie conoscenze sul mondo della profumeria con seminari e corsi. La sua passione è tutta per i classici: Guerlain, Chanel e Caron rappresentano i più alti traguardi del settore. Molti dei profumi di queste case sono stati concepiti come Gesamtkunstwerke, opere d’arte globali, in cui gli eganti flaconi, le confezioni elaborate e le raffinate composizioni olfattive erano espressioni di un preciso momento storico. Con vero.profumo, la Kern riprende l’idea iniziale del profumo quale opera d’arte e la traspone nel nostro tempo. Nascono da quest’idea le sue fragranze in grado di scatenare  emozioni profonde.

Uso una tecnica che si usava venti anni fa con tanti ingredienti naturali per non creare un profumo globale, di massa, che deve piacere alla maggior parte delle persone e quindi è privo di carattere. Per la produzione e il reperimento degli ingredienti per questo tipo di prodotti ci vuole tempo e passione“.

Vero Kern MitoPer questo ci sono voluti due anni di tempo per preparare .mito. che nasce dalle forti emozioni derivate dalla visita del Giardino di Villa d’Este a Tivoli.

Questo luogo mi ha colpito nell’intimo: è un giardino unico, mi ha portato nel passato quando ero bambina. Così ho voluto racchiudere queste impressioni in una bottiglia, cercando di rappresentare il verde delle piante, il bianco delle statue e la presenza dell’acqua con degli ingredienti speciali. Ho usato in particolare magnolia e gelsomino, uniti a una testa fresca, agrumata e acquatica, all’accordo chypre e a un accordo un po’ speziato“.

Il risultato è un profumo intenso dalle mille sfaccettature e dalla personalità decisa e androgina. Questo scent è anche un omaggio all’Italia – Paese in cui vengono prodotti i profumi di vero.profumo e che la profumiera ama molto –  e la celebrazione dei primi cinque anni del marchio.

Di .mito. arriverà presto una versione estratto, che avrà una base più elaborata.

Durante la conferenza stampa è stata anche lanciata in ateprima una simpatica novità che lega il profumo all’arte. Vero ha incotrnato il suo primo seguito on-line creando un tam tam su Internet. Dal rapporto, nato grazie alla rete, con Sofo Berdzenishvili,  artista georgiana pittrice e illustratrice che vive in Italia è nato un mini cartone animato dedicato alla Kern e a .mito. di cui abbiamo potuto ammirare qualche immagine e che verrà presentato alla prossima edizione di Pitti Fragranze a settembre, quando il profumo sarà disponibile sul mercato. Nonostante la freschezza tipica dei profumi estivi, Vero ha deciso di lanciare questo prodotto in autunno: “non credo nella stagionalità dei profumi e questa è una fragranza classica, senza tempo“.

Sofo Berdzenishvili, Mito

Photo Credits: Sofo Berdzenishvili

Dopo la conferenza Vero ci ha parlato della sua nuova creazione e della sua idea di profumeria.

Qual è stata la cosa più difficile nella creazione di .mito.?
Assemblare le note verdi della testa, in particolare ha avuto problemi con il lemongrass. Poi mi ha dato da fare anche la magnolia. Quella che potete sentire nel profumo è stata una ricostruzione che ho fatto io, con la magnolia europea e la magnolia champaca proveniente dall’India, molto carnale. E’ stato anche molto difficile reperire la materia prima.

C’è un ingrediente che preferisci?
No. Non mi posso limitare nella scelta delle essenze. Però mi piacciono molto i fiori bianchi, con i loro sentori animali, e le note di cuoio e tabacco.

Cosa ne pensi della profumeria moderna?
Non mi tocca molto. Non ho mai avuto la possibilità di creare su scala industriale. Io ho voluto trovare qualcosa di diverso, altrimenti non ci sarebbe stata la possibilità di sopravvivere.

.mito. di vero.profumo

Note olfattive

Bianco: accordo agrumato, magnolia grandiflora, magnolia Champaca bianca, gelsomino

Verde: galbanum, giacinto, accordo chypre, muschio

La fragranza, distribuita da Campomarzio70 Distribuzione, sarà disponibile in selezionati negozi a partire da settembre 2012 nel formato 50 ml, Eau de Parfum. Il costo sarà di 145 euro.

Foto Courtesy of Diego Comi Ph.

Caterina Varpi