Da un’idea di Giovanni Castelli e Andrea Patrucco

 

Il Lago Maggiore, giardino d’Europa, ville e atmosfere da fiaba. Paesaggi celebrati da poeti e scrittori, località amate da teste coronate e celebrità di tutto il mondo. Qui la Dolce Vita italiana si presenta in un’accezione più raffinata e meno chiassosa. Stresa, in particolare, da sempre è sinonimo di fascino, storia, arte ed esclusività.

A questo mondo di rarefatta bellezza ed alle sue atmosfere sognanti si ispira Acqua di Stresa, un’ode di accordi floreali al quotidiano rinnovarsi di tanta bellezza. Acqua di Stresa nasce dal desiderio dei suoi creatori (Giovanni Castelli e Andrea Patrucco) di condividere profumi ed emozioni dal giardino del loro amato buen retiro, il Castello di Ripa, magione ottocentesca in riva al lago, di fronte alle Isole Borromee.

Cinque sono le eau de parfum nate dall’impegno e dalla passione dei creatori del brand. Tutte hanno il nome Acqua di Stresa, mentre un secondo nome in latino (ed un colore di riferimento) le differenzia e contraddistingue: Osmanthus Fragrans, Mentha Citrata, Camellia Soliflor, Calycanthus Brumae, Verbena Absoluta.

Osmanthus Fragrans è una folata di vento, in un pomeriggio di fine estate, che porta l’incanto fruttato della fioritura dell’Osmanthus. Vaporosa e voluttuosa come un velo di voile, caratterizzata dal color giallo sole. Note di testa: Osmanthus fragrans, fiore di pesco; cuore: menta piperita, the bianco; note di fondo: muschio bianco, legno di cedro.

Mentha Citrata è un crescendo di note verdi ed aromatiche, come in un giardino delle Esperidi. Energica e fresca come un mattino di primavera, il verde acido è il colore che la identifica. Note di testa: assenzio, menta, bergamotto; cuore: camelia sasanqua, foglie di violetta; note di fondo: muschio bianco, legno di cedro.

Camellia Soliflor è una composizione in rosa di note floreali, dedicata alla regina del Lago Maggiore, la profumata Camelia invernale. Accesa di insolite note speziate, persuasiva e potente come le cose gentili, veste ovviamente di rosa tenue. Note di testa: chiodi di garofano, pepe nero; cuore: camelia sasanqua, gelsomino; note di fondo: muschio bianco, legni bianchi.

Calycanthus Brumae, è un calibrato equilibrio tra il tenue profumo dei “fiori di carta” e legnose note di sacri incensi e rare radici. Maschile ma non solo. Mistico e silenzioso come un crepuscolo sul lago, dai riflessi del lago di sera prende pure la sua veste argentata. Note di testa: canfora, pepe nero, zenzero; cuore: calicanto, caprifoglio; note di fondo: noce moscata, frankincense.

Verbena Absoluta è nata per celebrare l’erba magica ed afrodisiaca la cui abbondanza sulle rive del Lago Maggiore, in tempi antichi, ne generò il nome latino, Verbanus. E’ una fragranza unisex, fiorita ed agrumata, fresca ed elegante, con finale musk e legnoso. Note di testa: verbena odorosa, scorze di agrumi; cuore: neroli, fresia, geranio; note di fondo: muschio, legno di sandalo.

Astucci e flaconi si fregiano di etichette in raso, in omaggio alla tradizionale produzione della seta italiana, tipica della zona dei laghi italiani. Le fragranze sono tutte declinate in una completa linea bagno, a base di olio di camelia (lo stesso olio che usano le geishe di Kyoto per rendere lucide e setose le loro chiome corvine), composta da: body lotion, bagno doccia e sapone liquido. Sono, inoltre, disponibili i profumi per ambiente, nell’elegante diffusore dai bastoncini in midollino nero.

Osmanthus Fragrans, Mentha Citrata, Camellia Soliflor, Calycanthus Brumae e Verbena Absoluta eau de parfum di Acqua di Stresa sono in vendita nei formati da 50 e da 100 ml, dal costo indicativo, rispettivamente, di 55,00 e 74,00 €.

Da scoprire a Pitti Fragranze 12.